S. Giovanni Battista – “Cura del Creato” – Anniversari matrimonio (Foglio Parrocchiale)

Acclamazione al Vangelo
«Prendete il mio giogo sopra di voi, dice il Signore,
e imparate da me, che sono mite e umile di cuore
(Mt 11,29ab)


Lunedì 29 agosto – Memoria della passione di San Giovanni Battista
Il re Erode Antipa lo tenne in carcere nella fortezza di Macheronte, nell’odierna Giordania, e nel giorno del suo compleanno, su richiesta della figlia Salomé, ordinò di decapitarlo.
Per questo, il Precursore del Signore, come lampada che arde e risplende, rese testimonianza alla verità sia in vita, sia in morte.


Giovedì 1 settembre – Giornata di Preghiera per la cura del Creato

“Ascolta la voce del creato” è il tema e l’invito del “Tempo del Creato” di quest’anno.
Per Papa Francesco “è un momento speciale per tutti i cristiani, per pregare e prendersi cura insieme della
nostra casa comune”.


Sabato 3 settembre, Tapigliano, Sagrato della Chiesa, ore 13: 4 Feste per 4 Cantoni: Picnic musicali – Cibo, Musica e Gare canore


Domenica 18 settembre a Nebbiuno: ANNIVERSARI DI MATRIMONIO
Festeggeremo durante la S. Messa delle ore 11.15 in S. Giorgio!
A seguire, ci sarà un momento conviviale.
PRENOTAZIONI AI NUMERI:
Paola: 333 280 8004 – Patrizia: 0322 58024

San Giovanni Battista

giovanni_ravennaSAN GIOVANNI BATTISTA, IL PROFETA CHE ANNUNCIÒ CRISTO GIÀ NEL GREMBO MATERNO

È uno dei Santi più venerati nel mondo. La Chiesa lo festeggia, come Gesù e la Vergine Maria, anche nel giorno della sua nascita. La sua vocazione profetica si
manifestò ancor prima di nascere attraverso segni messianici come “l’esultanza” davanti a Maria in visita alla cugina Elisabetta. E Cristo stesso lo definì «il più grande tra i nati da donna»

Chi è dunque Giovanni il Battista?

“Gli dissero allora: ‘Chi sei? Che cosa dici di te stesso? Qual è la tua identità?’”.
Ed egli risponde: “Io sono soltanto una voce, una voce imprestata a un altro, eco di una parola non mia”.

Solo voce, che si sente, si ascolta, ma non si può vedere, né contemplare, né trattenere. In Giovanni nessun protagonismo, nessuna volontà di occupare il centro, di stare in mezzo, ma solo di essere solidale con gli altri. C’è chi sta al centro, c’è chi è in mezzo e noi non lo conosciamo, c’è chi è Parola rivolta a noi: è Gesù Cristo, sempre “in incognito”, sempre da cercare, ma noi non lo cerchiamo e non lo riconosciamo. Forse solo nel giudizio finale sapremo che chi sta accanto a noi, chi ci è prossimo… è Gesù Cristo, e allora lo riconosceremo.

Nel frattempo, abbiamo bisogno di Giovanni, di ascoltare la sua voce, di vedere il suo dito che indica Gesù come colui che ci immerge nello Spirito santo e che può fare di
noi delle “vite salvate”.

(Dal commento al Vangelo di Enzo Bianchi, Comunità di Bose)

Foto: Battesimo di Cristo, Battistero degli Ortodossi, Ravenna

 

URGENTE: 20-24/06 Villa Lesa: FESTA PATRONALE DI SAN GIOVANNI BATTISTA

DOMENICA 24 GIUGNO – FESTA PATRONALE DI SAN GIOVANNI BATTISTA

PROGRAMMA
20/21/22 giugno: Santa Messa per il Triduo di preparazione alle ore 18,00.
Confessioni: mezz’ora prima della S. Messa.

23 giugno – sabato
Ore 18,30 S. Messa solenne presieduta da don Alfonso Ceschi.
Ore 21,00 Tradizionale concerto del “Coro di Villa Lesa”.

24 giugno – domenica
Ore 10,30 S. Messa solenne.
La Santa Messa terminerà con la processione con la statua del Santo per le vie del paese (Via Opifici, piazza Lanzetti, via Roma, via alle Zappe Sotto, via Stazione, via alla Parrocchia, via Mercalli e rientro in chiesa).

Ore 12,30 grigliata conviviale in collaborazione con il “Gruppo Alpini Villa Lesa” presso l’oratorio di Villa Lesa.

Si potrà prenotare entro giovedì 21 giugno ai seguenti numeri: 3338412984 (Agostino) o 340/4010568(Clementina)

Costo: adulti 13 Euro, bambini 8 Euro

Pomeriggio con giochi per adulti e bambini con possibilità di merenda.

Tutti possono contribuire preparando, come da tradizione, torte e dolci che saranno venduti dopo le S. Messe di sabato e domenica. Seguirà l’apertura del banco di beneficenza.

Resoconto: Villa Lesa – Festa di S. Giovanni Battista

VIVERE LA COMUNITA’

Villa Lesa vestita a festa per la celebrazione di San Giovanni Battista

Inizia con il triduo di mercoledì, giovedì e venerdì, la preparazione alla Festa Patronale di Villa Lesa. La statua del Santo viene deposta e tutta la comunità freme attorno all’organizzazione degli eventi del 24 e 25 giugno. Per l’occasione la Chiesa viene impreziosita dalle tovaglie più belle, dai fiori colorati che ornano l’altare e tappeti dai meravigliosi disegni.

Tutto è ormai  pronto per festeggiare il Santo.

Dopo la Messa di sabato 24 viene aperto il consueto banco di beneficenza, accompagnato dalla vendita delle torte confezionate dalle mani d’oro delle migliori massaie. La giornata si conclude con il tradizionale concerto del Coro Villa Lesa, dal titolo “Generazionando”, che  incanta gli spettatori con l’unicità delle sue interpretazioni, arricchite dalla consueta partecipazione del gruppo “Amici del coro” (gli over 70!)  al quale quest’anno si é aggiunto quello dei bambini. Il momento sicuramente più toccante è quello in cui i tre Cori si uniscono per cantare “La me Lesa”, brano scritto in dialetto: un intreccio generazionale di voci che emoziona il numeroso pubblico presente.

Al termine, tra sorrisi e commenti sulla serata, un graditissimo lauto buffet rinfranca tutti dalla inaspettata calura di questo fine giugno.

La domenica mattina si apre con la Messa Solenne delle 10.30, resa ancora più speciale dalla suggestiva partecipazione della Confraternita di Lesa e Villa, dagli inconfondibili sai.

Durante la celebrazione vengono presentati i novizi.

La funzione termina con la processione per le vie del paese e la statua di San Giovanni Battista portata a spalla. Meraviglioso vedere come le tradizioni durino anche in una realtà piccola come quella villese!
Novità di quest’anno è il momento conviviale presso l’oratorio.

Con un discreto quanto fondamentale aiuto degli alpini di Villa Lesa, una gustosissima grigliata attende la comunità a conclusione dei festeggiamenti. I tavoli, impreziositi da colorate composizioni floreali, accolgono più di 100 persone. Sorrisi e chiacchiere completano il mix perfetto per un pomeriggio in compagnia.

La comunità è grata a questo meraviglioso gruppo di persone di buona volontà, nato perché occasioni come queste siano possibili e rivolge uno speciale ringraziamento a don Massimo, che con grande entusiasmo ha accolto ogni iniziativa proposta.
Così una comunità può davvero continuare a vivere.

M&D

vergante email